TORINO, UNA NUOVA PROMESSA

Quando ero piccola mio padre mi portava sempre al Delle Alpi per vedere il calcio. E per “calcio” nella mia famiglia si intende il Torino. So che ci sono altre squadre contro cui giochiamo, ma l’idea di tifare granata mi è sempre piaciuta. C’è da dire, però, che fino all’età di 7 anni non avevo ancora capito bene come funzionava il gioco del pallone. Ero stata allo stadio già diverse volte, ma non avevo mai visto segnare la mia squadra – gli anni ’90 sono forse stati i più critici per il club granata. Immaginate quindi una bambina di 7 anni che per la prima volta vede il pallone entrare nella porta degli avversari: “Papà – ho gridato mentre tutti attorno a me saltavano ed esultavano – Ma allora possiamo fare gol anche noi???”. Sì, quelli erano tempi davvero duri per i tifosi e per quelli nati negli anni ’90 lo era ancora di più. L’ultima vittoria importante nel 1993, quando i granata conquistarono la Coppa Italia all’Olimpico di Roma. Da lì in poi, i successi sono solo un racconto mitologico di genitori/nonni. D’altronde siamo cresciuti a pane e “Se sei del Toro devi imparare a soffrire”. E così abbiamo fatto: vent’anni senza vincere un derby, dodici anni lontani dall’Europa, tre retrocessioni in serie B e il fallimento del club. Poi, però, nel 2005 la rinascita societaria e l’arrivo di Urbano Cairo alla presidenza. La prima grande soddisfazione per Cairo è stata quella di riportare la squadra nella massima serie con una vittoria storica ai play-off contro il Mantova, che ricorda in qualche modo quell’ultimo successo in Coppa Italia. Dalla stagione successiva il Torino torna a giocare al comunale, rinominato Stadio Olimpico, ma, dopo tre anni, fa ritorno ancora una volta in Serie B. Cairo a questo punto si organizza per costruire una squadra di alto livello: prima mossa Gianluca Petrachi come direttore sportivo. Sarà lui a portare in casa granata tutti i giovani campioni che faranno nuovamente sognare i tifosi. Da Immobile e Cerci a Belotti, Ljajic e Iago Falque, da Darmian a Zappacosta, da Glik a Barreca, e a capitan Benassi. Il Toro delle giovani promesse e del sogno mai infranto voluto da Giampiero Ventura, che ha preso in mano la squadra nel 2011 dalla serie B e l’ha portata fino al San Mamés, ovvero là dove il Toro torna ad essere da record. Prima e unica squadra italiana ad espugnare il mitico stadio dell’Athletic Bilbao, eliminando così gli spagnoli ai sedicesimi di Europa League. Tra i nuovi record, oltre al ritorno nelle coppe europee dopo 12 anni, contiamo Ciro Immobile capo cannoniere nel 2014 – titolo che un giocatore granata non raggiungeva dai tempi di Graziani (1976-77) – la vittoria in un derby dopo 20 anni, fino all’intitolazione dello Stadio al Grande Torino e alla rinascita del Filadelfia, simboli di un ritorno al passato e alla forza degli Invincibili. La risalita del Toro culmina in questa stagione, in cui sta frantumando ogni record e superando ogni aspettativa. Con un centravanti da cento milioni in squadra che fa sognare anche in Nazionale, e un attacco che così tanti gol non li segnava da quella già nominata stagione 1976-77. Insomma, un Toro così non l’ho mai visto, l’ho solo ascoltato nei ricordi degli altri. Come mio nonno che mi raccontava di Valentino Mazzola e dell’emozione che trasmetteva al pubblico granata quando decideva che era ora di vincere: si tirava su le maniche e i compagni capivano che bisognava fare gol. Ecco, quella stessa sensazione la proviamo adesso quando il Gallo corre con la mano a ‘mo di cresta. La grinta e la voglia trascinano i giocatori così che il Torino è, partita dopo partita, sempre più vivo, e gioca da grande squadra. La sensazione che trasmette a noi tifosi è indescrivibile: un misto di incredulità, felicità e voglia di rivalsa.

Di solito quando dico che tifo Toro, la gente mi risponde con mezzo sorrisetto e la frase: “Grande cuore, ma povera te”. Quest’anno la solfa è cambiata: “Uè granata, come mi piace ‘sto Toro”. E se piace a chi tifa un’altra squadra, immaginate noi, dopo vent’anni di nulla, cosa abbiamo provato nell’andare in trasferta a Bruges, a Helsinki, a Copenaghen, a Bilbao, persino a San Pietroburgo?! Cosa proviamo quando il nostro Belotti è al centro delle analisi di tutti i giornalisti sportivi italiani per quanto è forte?! Ho tifato Torino quando non c’era nulla per cui essere tifosi, ora voglio godermi fino in fondo questa sensazione di euforia e di orgoglio nel vestire la maglia granata: non quella di Pulici e Graziani di 40 anni fa, non quella degli Invincibili di 70 anni fa, ma quella cha sta facendo faville oggi! Non importa dove arriveremo a fine stagione, se torneremo in Europa o chissà quali altri record raggiungeremo, il bello è anche solo essere nuovamente felici di guardare le partite: non, sperare di non perdere, ma sapere che possiamo vincere. Il bello di tifare Toro è poter gioire per qualsiasi piccolo traguardo, perché la nostra storia passa dall’Olimpo agli inferi del calcio per poi risalire di nuovo, e quindi tutto è possibile.

Autore

Federica Frola
leggende
Attualità

Tra bandiere e leggende

“La grande popolarità del calcio nel mondo non è dovuta alle farmacie o agli uffici finanziari, bensì al fatto che in ogni piazza, in ogni angolo del mondo c’è un bambino che gioca e si diverte con un pallone tra i piedi” Z. Zeman 10 maggio 2014. Stadio Giuseppe Meazza di Milano. Sono circa le …

Attualità

VOLVERA’ MESSI

Il genere drammatico costituisce, da sempre, uno dei capisaldi sui quali si fonda buona parte delle arti. La pittura di Caravaggio ci ha restituito capolavori di incredibile bellezza, Omero e tutta la Grecia antica prima, e quella romana poi, hanno trovato la propria fortuna con il racconto di tragedie epiche divenute, col tempo, lascito per …

Attualità

STRANI AMORI… SUL CAMPO DI PALLONE

Cene romantiche, fiori, proposte di matrimonio? Se tutto ciò vi spaventa abbiamo la ricetta di San Valentino perfetta per voi: assist, punizioni e gol, tra amori eterni e flirt del momento. Nel nostro mondo del pallone preferito non manca nulla, nemmeno le coppie – di fatto o di campo. La più recente è senza dubbio …

Attualità

Gli amici di Ranocchia

Il gioco del calcio sta assumendo un ruolo ed una dimensione che ha tutta l’aria di un progetto finalizzato ad allontanare l’opinione pubblica da temi più impegnativi. Lo strumento è un giornalismo mediocre e filisteo, con tutti i media schierati in campo e che specie in Italia tende a narcotizzare l’opinione pubblica iniziando dal linguaggio, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Your browser is out-of-date!

Update your browser to view this website correctly. Update my browser now