La crisi del calcio italiano II “Serie A sponsored by Infront”

[stag_intro] Il potere nasce da due cose: soldi e ancora soldi. Tra intrighi, operazioni sottobanco e offerte monstre la nostra, litigiosa, divisa serie A è caduta nelle mani di una società che pezzo dopo pezzo ha messo le mani sulla Lega e sulle sue squadre, Infront. [/stag_intro]


Quello che sappiamo è che senza i diritti televisivi le società italiane fallirebbero, tutte. Ma chi gestisce questi diritti? Chi controlla e garantisce queste immani somme di denaro? Si chiama Infront ed è una società svizzera di proprietà di Philippe Blatter. Si, è il nipote del capo supremo del calcio mondiale, Sepp Blatter. Da pochi giorni è stata acquistata dal gruppo cinese Dalian Wanda, lo stesso che ha acquisito il 20% dell’Atletico Madrid.  In Italia, il capo di Infront si chiama Marco Bogarelli, nome non nuovo negli ambienti di palazzo, prima ex consigliere di Milan Channel e poi presidente di Media Partners. Il suo vice è Andrea Locatelli, 8 anni nel settore dei diritti sportivi in Fininvest. Strane coincidenze in questa storia. L’ingresso dell’advisor svizzero nel nostro calcio è avvenuto nel 2010 con una formula molto cara a Bogarelli&Co., il “minimo garantito”. Con questa modalità di contratto Infront garantisce alla Lega un guadagno certo senza costi. Le sue commissioni le otterrà superata questa soglia; un sistema win-win e tutti contenti. Con questo giochetto la Lega guadagnerà circa 6 miliardi fino al 2021. Con questa operazione, Infront ha scalzato giganti come Rcs Sport. Tutto è iniziato quando il presidente della Lega era Maurizio Beretta, la cui nomina e vittoria era stata gestita, dal presidente più politico e perciò, più pericoloso della serie A, Lotito; più o meno con le stesse modalità con le quali ha portato alla vittoria Tavecchio, il sostegno delle piccole squadre (per capire il personaggio Lotito basta rileggere le sue telefonate).

Tutte le storie drammatiche sono anche quelle più assurde e l’assurdità in questa storia sta nel fatto che Infront nel suo portfolio annovera mezza serie A: Milan, Lazio, Genoa, Sampdoria, Udinese, Cagliari, Palermo e … Inter. Tutte squadre che hanno appoggiato Beretta prima e Tavecchio dopo. Tutte, tranne l’Inter che con Moratti presidente si oppose all’elezione di Beretta, ma con ET (con cui Infront ha stipulato una accordo da 80 Mln/anno per quattro anni) ha assunto una posizione stranamente troppo passiva nella faccenda Tavecchio. Come se ciò non bastasse, il Cesena che in un primo momento era tra i dissidenti per l’elezione del “presidente delle banane” ha fatto marcia indietro, causa un accordo da 700/800K euro proprio con Infront. Più eclatante il caso del Bari, dove se il 30% dei soldi, usati da Paparesta per vincere l’asta in tribunale, pare appartenessero a Lotito (altra coincidenza!), il restante era di Infront, ancora. Tante, troppe le coincidenze. Troppi gli intrecci e gli interessi. Penso sia normale porci alcune domande. Del tipo, “Cosa c’è dietro il condizionato appoggio di Lotito a Infront?”, ma soprattutto, “Cosa succederà in futuro?”. Lotito è in questa storia un figura centrale perché rappresenta la mente politica che ha messo il nostro calcio nelle mani di un unico e solo proprietario. Se questo sia un male o un bene non è ancora chiaro. Un solo attore che controlla quasi un intero Paese con la promessa di enormi guadagni. Il peggio che possa capitare è i presidenti e tutta la Lega finiscano per rimanere sotto scacco. È solo dietrologia? Forse, ma le vicende delle ultime settimane non fanno sperare in qualcosa di buono…

 

Autore

Giuseppe "Mesh" Masciale
Attualità

STRANI AMORI… SUL CAMPO DI PALLONE

Cene romantiche, fiori, proposte di matrimonio? Se tutto ciò vi spaventa abbiamo la ricetta di San Valentino perfetta per voi: assist, punizioni e gol, tra amori eterni e flirt del momento. Nel nostro mondo del pallone preferito non manca nulla, nemmeno le coppie – di fatto o di campo. La più recente è senza dubbio …

Attualità

IN VIAGGIO PER IL CALCIO. LA STORIA DI COULIBALY

Ho una casa, una famiglia, soldi quanto basta per mangiare e studiare. No aspetta, io voglio fare il calciatore. Mollo tutto e parto. Spengo il telefono, non avviso i miei, pago il biglietto solo andata del pullman da Dakar al Marocco e mi lascio tutto dietro. Ciao Senegal, buongiorno futuro. Mi chiamo Mamadou Coulibaly. [voce …

Attualità

INSEGUIRE I SO…LDI

Nella nostra vita ci troviamo spesso davanti a delle scelte, alcune la abbiamo fatte di petto, altre ci abbiamo pensato fino allo sfinimento per poi fare la scelta meno logica. Spesso il modo di affrontare queste scelte dipende solo da noi, dal nostro essere più o meno impulsivi, dall’avere una mente logica o lasciarsi trasportare …

Attualità

Bobo Vieri: la doppia vita del bomber

Di Bobo Vieri ricordo una partita, Inter-Brescia 1 dicembre 2002. L’Inter era appena tornata dalla trasferta di Champions League in quel di Newcastle con un ottimo 4-1 e la squadra di Cuper si ributtava nel campionato per dimenticare la prima sconfitta stagionale contro il maledetto Milan. In quel freddo pomeriggio di dicembre io ero alle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Your browser is out-of-date!

Update your browser to view this website correctly. Update my browser now