La testata che cambiò la storia del calcio

“La storia è la scienza delle cose che non si ripetono” (Paul Valéry)

Di tutte le storie che un libro può racchiudere nell’arco delle sue pagine, quella del calcio rimane probabilmente l’unica per la quale non basterebbero neanche diversi tomi medievali, per poter essere narrata in tutto quel suo magico equilibrio tra sacro e profano, mitologia e leggenda, romanticismo ed autentica follia.


Il giornalismo sportivo moderno, ed in particolare quello con protagonista il Dio pallone, è ormai saturo di numeri, grafici e statistiche che hanno l’unico (spesso infondato) presupposto di spiegare questa o quella giocata, la quantità di passaggi effettuati dal mediano piuttosto che dal trequartista, o estasiare i più metodici con cerchi e linee di direzione che ci raccontano il movimento di un calcio in cui sembra contare soltanto la tattica. Perché in fondo siamo tutti allenatori, provetti Mourinho da litigate al bar del lunedì. Soprattutto in Italia.

Continuiamo invece a dimenticare che dietro i super atleti della contemporaneità, quelli che sfuggono alla logica più umana per varcare la soglia eterna della leggenda, ci sono vicende e aneddoti che vanno oltre il calcio. Perché le storie più belle che ha da raccontare nascono fuori del terreno di gioco, su campi così dirompenti da deviare il corso dell’umanità e tracciare solchi così profondi da trascinare via con sé nazioni e popoli. Tutti fermi, a guardare la partita.

Dimentichiamo che gli autori delle pagine di questo straordinario libro sono prima di tutto uomini che hanno dovuto sfidare governi, dittatori e tempi moderni soltanto per indossare una casacca ed inseguire un pallone, che in fondo non era nient’altro che il sogno di disegnare un destino migliore per sé e per le generazioni future. Al pari della storia dell’umanità, anche quella del calcio si muove tra le luci e le ombre di gesti impressi nella memoria collettiva come forme nella calce. Di momenti da raccontare ve ne sono talmente tanti da poter spiegare ai nostri figli cosa realmente è la vita semplicemente pensando alla mano de Dios, al Maracanazo, al cucchiaio di Totti contro l’Olanda nella semifinale degli Europei del 2000. Alla testata di Zidane nella finale del mondiale tedesco.

Non ci sono statistiche né numeri, solo storie raccontate da chi le ha vissute e da chi semplicemente le ha amate. Z è l’ultima lettera dell’alfabeto, rappresenta un punto di vista diverso. É uno sguardo critico e profondo su cosa è stato il calcio e su come sta cambiando. É un racconto, un insieme di storie come quelle che si raccontano tra amici o quelle che può tramandare un nonno ai suoi nipoti. Z è quello che arriva sempre ultimo perché invece di correre si ferma a guardare il paesaggio, a chiacchierare con le persone del luogo… a scoprire.

Autore

Alessandro "Pocho" Vitiello
Storie di calcio

NARCOFUTBOL

C’è stato un momento in cui la Colombia è diventata una delle nazioni calcistiche più floride e più potenti del Sud America. Una fonte inesauribile di talenti e di squadre pronte a competere nei più grandi palcoscenici del calcio mondiale. Un periodo durato quasi vent’anni che coincide con l’ascesa e il declino dei grandi cartelli …

Sidney Sam illustrato da Alessandro Pautasso
Storie di calcio

PROVACI ANCORA SAM

Il bello del calcio è che ti sconvolge con i suoi toni, i colori, le giocate improvvise di qualcuno che appena un secondo prima sarebbe potuto passare come il Signor nessuno del giorno. Eppure a volte quella stessa giocata illumina colui che la guarda, e la ammira, e pensa di colpo d’aver trovato il suo …

Storie di calcio

La leggenda di Tittyshev

I’m forever blowing bubbles, Pretty bubbles in the air, They fly so high, nearly reach the sky, Then like my dreams they fade and die. Fortune’s always hiding, I’ve looked everywhere, I’m forever blowing bubbles, Pretty bubbles in the air. United! United! United! Cosa significa tifare? Cosa vuol dire seguire giorno dopo giorno una squadra …

Storie di calcio

Quel bosone di Ings

Le pagine di questo magazine, di solito, scandiscono il ritmo di storie che accomunano campioni di vita prima ancora che di sport, anche se le due dimensioni si incontrano costantemente nelle pieghe interposte tra le società, le culture e gli eventi che quelle storie le scrivono finché durano penna e calamaio. Se l’esperienza terrena di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Your browser is out-of-date!

Update your browser to view this website correctly. Update my browser now