IL CALCIO ILLUSTRATO

[stag_intro]Il calcio è sempre sulla bocca di tutti si sa, ma anche nelle sapienti mani di diversi artisti internazionali. Sono sempre di più infatti gli illustratori che decidono di raccontare con le proprie matite “il gioco più bello del mondo”.[/stag_intro]


Geometria e pulizia sono alla base del lavoro di Stanley Chow, che stilizza i volti dei calciatori rendendoli delle vere e proprie icone.
L’inglese David Flanagan ripropone alcune delle azioni più importanti del mondiale brasiliano con estremo “rigore” e colori accesi.
I calciatori di Rafael Mayani sono caratterizzati dalle lunghe gambe, forme morbide e colori pastello.
Il tedesco Simon Prades invece racconta il calcio come fosse un fumetto, con delle chine sporche ed emotive che ci riportano sul campo.
Cristiano Siqueira sceglie degli esercizi di stile, come pennelli giocosi che inseguono i calciatori, per rappresentare la fantasia brasiliana.

Autore

Davide "Maccia" Mazzuchin
Storie di calcio

Charlie Austin, the bricklayer

We are such stuff As dreams are made on; and our little life Is rounded with a sleep. William Shakespeare, La Tempesta, Atto 4, scena 1, 148–158 Uno dei grandi amori della nostra vita, il calcio, è meravigliosamente capace di farci sognare al di là di sudditanze varie, rigori non fischiati e mani attaccate al corpo. …

david luiz sconfitta
Storie di calcio

La Nikefobia, quello che pensi giocando a calcio

“Reality is that which, when you stop believing in it, doesn’t go away.” (P. Dick, How To Build A Universe That Doesn’t Fall Apart Two Days Later, 1978) Spesso, mentre guardo una partita di calcio, di basket o una gara di Formula 1, mi chiedo cosa pensi un atleta nei momenti più importanti della sua performance. …

Storie di calcio

Pensieri sparsi tra centrocampo e dischetto

[stag_intro]Sono all’incirca le 20:57 di sabato 28 Giugno 2014 quando Gonzalo Jara, difensore centrosinistro del terzetto più arretrato del Cile, si appresta a battere il calcio di rigore più importante della sua vita. Sono gli ottavi di finale di una coppa del mondo, ma non è un mondiale qualsiasi. Siamo in Brasile, terra carioca, e ogni …

Storie di calcio

ÁRPAD WEIZ

Gennaio 1938. Il diretto Bologna-Parigi è affollato. C’è un po’ di tutto, semplici vacanzieri, commercianti, gente normale. Ma non solo. Tra i vagoni di quel treno c’è anche un uomo. Un uomo che di normale ha ben poco. È un ungherese, ebreo, di bell’aspetto, elegante. Non è solo, con lui nello scompartimento ci sono sua moglie …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Your browser is out-of-date!

Update your browser to view this website correctly. Update my browser now